STAZIONE TERRA

Centro Espositivo Comunale

ThursdayThu. 05 MayMay. - ThursdayThu. 02 JuneJun. ore 17:30

I 30 anni de I Santini Del Prete

Osservatori del mondo e del suo quotidiano, scrutatori del tempo, ideatori instancabili di puntuali performances, ingegneri di creatività e forgiatori di una rara e preziosa allegria visiva, I Santini Del Prete sfrecciano a tutta velocità su tematiche sociali e ambientali come su un moderno Maglev a levitazione magnetica, sempre sospesi ma allo stesso tempo ben ancorati ai binari. Attraverso l'immediatezza d'immagine della loro storica divisa che disegna un percorso iconologico a tappe che inizia trent'anni fa, i ferrovieri non-artisti sostano ora nell'immaginaria Stazione Terra, mansio della non-Arte in cui si trovano a narrare, stupefatti, pungenti e contemplativi, le febbri e le intossicazioni del nostro pianeta. 

Inaugurazione mostra giovedì 5 maggio ore 17:30
Performance con la partecipazione di Alessandro Arieti, violinista, ore 18:00 

Centro Espositivo del Comune di Cecina, piazza Guerrazzi, Cecina (LI), INGRESSO LIBERO 

“Il treno regionale 30 30 proveniente dalla Stazione Terra, e diretto alla Stazione Terra, è in arrivo sul binario uno”.

Quando durante un’intervista fu chiesto al produttore e regista americano John Ford come fosse giunto a Hollywood, nella più grande industria del cinema mondiale, la risposta fu brevilinea e quantomeno spiazzante: “In treno”, disse, accennando un sorriso.

E’ proprio da un binario, che il duo de I Santini Del Prete è giunto alla celebrazione del trentennale di carriera, una tappa importante, un momento da sottolineare per la sua longevità in un percorso significativo e fruttuoso. Dico questo perché osservando la mole degli ultimi lavori presentati in questa mostra, e immaginando un curioso qualsiasi che rivolge loro la domanda “Come siete arrivati a trent’anni di carriera”, probabilmente la risposta sarebbe la medesima, ironica e profonda, pungente e semplice, veritiera e quotidiana, “In treno” è la risposta che immagino. E’ il fattore ‘quotidiano’ infatti, che rappresenta l’origine delle loro performances e che diventa divertente e serio allo stesso tempo nel giocare con la fotografia e con la espansa creatività che li rappresenta.

Di fronte a Franco Santini e a Raimondo Del Prete, non è facile capire se guardarsi indietro, osservare il presente, o pensare al futuro; divengono questi, tre sguardi temporali differenti tra loro e incredibilmente lucidi, che da sempre hanno motorizzato il pensiero dell’essere umano ma che in questo giocoso duo si soffermano in tre differenti stazioni. Ogni volta che ci mettiamo cioè a riflettere sul passato, a osservare il presente o a immaginarci il futuro, i momenti stessi della riflessione generalmente non si afferrano mai, diventando sfuggenti e contaminati, in quanto essi stessi sobbalzano in un continuo movimento inafferrabile. Nel caso de I Santini Del Prete invece, grazie al loro modo di intendere questo strano percorso che caratterizza tutti noi, ogni riflessione ha il suo punto d’approdo, e ogni immagine che a galla oltrepassa la nostra cognizione temporale spesso troppo superficiale, riesce ad avere il suo tempo di sosta. E’ una stazione in itinere la loro visione artistica non-artistica, e sembrerà un paradosso linguistico come definizione, ma di fatto con i loro lavori ormai ben noti che da lungo tempo caratterizzano la non-Arte (autodefinizione del loro percorso), ogni tematica trattata diviene una mansio nella quale sostare – scalzi, per rispetto all’Arte stessa - e riflettere, e dove il tempo si ferma per alcuni istanti lasciandoci spazio per intraprendere il nostro personale viaggio mentale su rotaia. Ora, se noi viaggiatori ci dovessimo soffermare a lungo in queste loro stazioni in itinere, a galla affiorerebbero sicuramente mille domande; domande–risultato della grande efficacia dei loro lavori, senza dubbio alcuno. Ma visto che sul binario uno è arrivato il treno regionale 30 30 proveniente dalla Stazione Terra, la domanda principale tra le mille che in testa del viaggiatore spunterebbe istintiva e per prima, sarebbe una sola; ‘Che cos’è la non-Arte?’ e di seguito consequenziale, la seconda, ‘Che cos’è l’Arte’? E’ questa la forza del messaggio insito nei tratti ironici e iconici de I Santini Del Prete, e cioè il soffermarsi di fronte allo scorrere del tempo con naturale semplicità, e riflettendo sul suo stesso scorrere, grazie alle incisioni profonde che questo lascia indelebili sulla Terra. Possiamo dire quindi che tutto può essere arte, come affermato dal critico Thomas McEvilley, o che non esiste una singola definizione della parola ‘Arte’, come invece ha sottolineato l’ex direttore della sezione pittura e scultura del MoMA William Rubin, e lo stesso affascinante ma sensato risultato alla questione, può esser parallelamente affiancato al concetto di non-Arte. Può essere tutto, o può non avere una definizione propria, certo è che questi due concetti nei loro lavori divengono complementari, compenetranti seppur apparentemente opposti, e a favore di un geniale e intelligente voyerismo artistico. L’Arte e la non-Arte, come per ogni polo opposto in natura, divengono inoltre fugacemente amanti tra loro; cito per questo concetto, un pensiero del loro sodalizio che attesta “Noi, I Santini Del Prete, viviamo la missione di far copulare l’Arte con la non-Arte”. E questa divertita, scanzonata, provocatoria e consapevole affermazione, è una doppia concentrazione di fascino a tutti gli effetti, perché ci porta ad identificare meglio i lavori de I Santini Del Prete.

Franco Santini e Raimondo Del Prete, da attenti ferrovieri, hanno in seno due spiccate capacità: sono osservatori del mondo e del suo quotidiano, e osservatori del tempo e del suo scandire. Sono ideatori instancabili di performances artistiche, ingegneri di creatività e forgiatori di una rara e preziosa allegria visiva; I Santini Del Prete sfrecciano a tutta velocità su tematiche sociali e ambientali come su un moderno Maglev a levitazione magnetica, sempre sospesi in giocose riflessioni, ma allo stesso tempo ben ancorati a terra. Il duo dei non-artisti, attraverso l’immediatezza d’immagine della loro storica divisa, viaggiano lungo un percorso iconologico a tappe che inizia trent’anni fa, e che li porta adesso nell’immaginaria Stazione Terra, luogo di sosta in cui si trovano a raccontare, stupefatti e contemplativi, le febbri e le intossicazioni del nostro pianeta. Lo guardano, lo osservano, lo toccano con mano e lo comprendono a pieno mentre il globo stesso si sgonfia e brucia sotto i mali che ne minano l’esistenza. Ed è proprio il tema dell’ambiente che diviene protagonista nel ciclo delle loro ultime creazioni, e che con la medesima schiettezza di sempre, raffigurano umilmente e scherzosamente in paralleli storici stavolta coi grandi maestri del passato. Se osserviamo ad esempio il ciclo delle Ecodeposizioni si noterà quanto la forza dell’immagine dei loro lavori diventi – fotograficamente parlando - avvolgente per cromatismi e movimento, e strutturata secondo i canoni dei lavori originali. Nell’Ecodeposizione da Lippi Perugino ad esempio, I Santini Del Prete hanno caratterizzato il Polittico dell’Annunziata, capolavoro dell’arte iniziato da Filippino Lippi e terminato da Pietro Perugino nel 1507. Individuando tutto il profondo pathos dell’opera e inscenandolo a loro modo – incrociandosi, supportandosi e coordinandosi vicendevolmente - la composizione spontanea del mimo dei loro corpi è efficace, e allo stesso tempo riesce a delineare i particolari volti poi alla sensibilizzazione del tema in essere. In questo lavoro, il corpo del Cristo è sostituito dal corpo della Terra che, sottoposta al continuo maltrattamento da parte dell’uomo, perde la sua sfericità divenendo oblunga e priva di vita, sgonfiata e quindi da deporre; allo stesso modo, nella Deposizione del Vasari trasposta nell’opera di Franco Santini e di Raimondo Del Prete, la Terra viene nella medesima e mimica maniera deposta, ormai drammaticamente defunta. In questi lavori dei ferrovieri non-artisti, dove si replicano strutture fisiche inscenando semplici gesta, c’è però scandito un gran messaggio e una forte chiave di lettura: nel teatrale screenshot temporale del dualismo sorreggere-abbandonare infatti, si racchiude l’attimo in cui viene illuminato un incrocio di grande spessore; se da un lato si tenta di sorreggere un corpo-terra ormai sfinito e finito, dall’altro si evidenzia un chiaro segnale di spinta verso una sua auspicata rinascita, in quanto una deposizione effettiva non c’è ancora stata. Sorreggere è ‘tenere ancora’, ‘poter fare qualcosa per’, è quel lato della medaglia che ti fa guardare le cose da un altro punto di vista, è quella forte dose di fiducia e speranza che alimenta la vita. Ma è proprio all’interno del messaggio augurale di rinascita che si cela tutto il pensiero de I Santini Del Prete, in quell’ormai iconica divisa da ferroviere, un dress che invita tutti noi a una sfilata di fronte al proprio io, in un abito che indirizza a riflettere sul momento storico nel quale viviamo, tempo-non-tempo in cui la celebrazione dell’immagine è diventata una dipendenza inarrestabile fondata su un micidiale cocktail di successo ed insuccesso.

Certo, la Terra coi suoi acciacchi è al centro dei loro ultimi pensieri compositivi, visto che ne è stata predisposta una Stazione(-Terra) e quindi una fermata, ma se riflettiamo bene noteremo che in tutte le precedenti stazioni, anno dopo anno, fermata dopo fermata, I Santini Del Prete hanno sempre - e da sempre - toccato una moltitudine di tematiche differenti tra loro, ogni volta trattate con delicatissimo buonsenso e con quell’autoironica e spontanea naturalezza che li contraddistingue.

“Il treno regionale 30 30 proveniente dalla Stazione Terra, e diretto alla Stazione Terra, è in partenza dal binario uno”

Alessandro Schiavetti
Curatore della mostra

SantiniDelPrete_1874.jpg
SantiniDelPrete_1816.jpg
SantiniDelPrete_1878.jpg
SantiniDelPrete_1803.jpg
SantiniDelPrete_1889.jpg
SantiniDelPrete_1852.jpg
SantiniDelPrete_1969.jpg
SantiniDelPrete_1972.jpg
SantiniDelPrete_1958.jpg
SantiniDelPrete_1817.jpg
SantiniDelPrete_1966.jpg
SantiniDelPrete_1884.jpg
SantiniDelPrete_1895.jpg
SantiniDelPrete_1847.jpg
SantiniDelPrete_1823.jpg
SantiniDelPrete_1899.jpg
SantiniDelPrete_1896.jpg
SantiniDelPrete_1793.jpg
SantiniDelPrete_1918.jpg
SantiniDelPrete_1933.jpg
SantiniDelPrete_1818.jpg
SantiniDelPrete_1855.jpg
SantiniDelPrete_1868.jpg
SantiniDelPrete_1946.jpg
SantiniDelPrete_1812.jpg
SantiniDelPrete_1894.jpg
SantiniDelPrete_1882.jpg
SantiniDelPrete_1804.jpg
SantiniDelPrete_1957.jpg
SantiniDelPrete_1920.jpg
SantiniDelPrete_1923.jpg
SantiniDelPrete_1944.jpg
SantiniDelPrete_1798.jpg
SantiniDelPrete_1888.jpg
SantiniDelPrete_1924.jpg
SantiniDelPrete_1921.jpg
SantiniDelPrete_1880.jpg
SantiniDelPrete_1905.jpg
SantiniDelPrete_1784.jpg
SantiniDelPrete_1931.jpg
SantiniDelPrete_1871.jpg
SantiniDelPrete_1837.jpg
SantiniDelPrete_1834.jpg
SantiniDelPrete_1904.jpg
SantiniDelPrete_1932.jpg
SantiniDelPrete_1844.jpg
SantiniDelPrete_1925.jpg
SantiniDelPrete_1869.jpg
SantiniDelPrete_1951.jpg
SantiniDelPrete_1862.jpg
SantiniDelPrete_1879.jpg
SantiniDelPrete_1936.jpg
SantiniDelPrete_1850.jpg
01---LIPPI---PERUGINO-AMBIENTE-150x240.jpg

ISDP-x-biografie-.jpg Franco Santini

Franco Santini è nato a Vada (Rosignano Marittimo) nel 1951. Ha lavorato nelle Ferrovie dello Stato e ha fatto parte di varie Associazioni Culturali. È stato fondatore dei gruppi artistici La Casa dell’Arte e Lavorare Camminare e ha scritto tre libri: Casetta (Carmignani Editrice), La camicia bianca (Erasmo) e Ali per volare (Carmignani Editrice). Nel 1992 ha dato vita, con Raimondo Del Prete anch’egli ferroviere, al sodalizio artistico I Santini Del Prete. È stato inoltre Presidente del Teatro Ordigno di Vada, e dal 2008 ne è Direttore Artistico.

ISDP-x-biografie-.jpg Raimondo Del Prete

Raimondo Del Prete è nato a Torre del Greco (Napoli) nel 1957. Ha lavorato nelle Ferrovie dello Stato dal 1979 al 2019 e ha fatto parte di varie Associazioni Culturali. È stato fondatore dei gruppi artistici La Casa dell’Arte e Lavorare Camminare. Ha partecipato al movimento pittorico de “I Tintori” e ha realizzato il progetto fotografico “Arte Domestica”. Attivo dalla metà degli anni Ottanta nella settore della Mail Art e negli anni Novanta è Fondatore del Dipartimento Patafisico Etrusco. Nel 1992 ha dato vita con Franco Santini, anch’egli ferroviere, al sodalizio artistico I Santini Del Prete.

ISDP-x-biografie-.jpg I Santini Del Prete

Il sodalizio è nato nel 1992 quasi fatalmente per la curiosa complementarietà dei cognomi di Franco Santini e Raimondo Del Prete, accomunati dalla stesso mestiere di ferroviere e da una comune passione per la mail art, l'arte visiva e la diffusa creatività contemporanea. Si dilettano quali rappresentanti militanti della Non-arte che non è in contrapposizione all'arte, ma bensì in armoniosa dialettica per il completamento degli opposti. Si esprimono con azioni, video, installazioni, opere fotografiche e pittoriche.

www.isantinidelprete.org

Curriculum brevis
tra le numerose apparizioni :

1992

  • Ponte Nossa (BG), Artestudio,Non siamo artisti siamo ferrovieri

1997

  • Codogno (LO), ex Ospedale Soave,Artextutti
  • Trevi (PG), Trevi Flash Art Museum,Aperto 97

1998

  • Mülheim a.d. Rhur Tunneleroffnung, I Santini Del Prete amano La Germania un Deutschland liebt uns
  • Piacenza, Galleria Placentia Arte,Lanon-arte è bolle di sapone

1999

  • Venezia 48a Biennale, azione con Patrizia Landicritica-gadget

2000

  • Trevi (PG), Trevi Flash Art Museum,Ironic

2001

  • Roma, Galleria Mascherino,Helzapoppin
  • Casalmaggiore (CR), Patafluens, Tubi or not tubi

2004

  • Città Sant’Angelo (PE), Museo Laboratorio, Con Coraggio e deduzione…

2005

  • Casier (TV), p.ar.co., Juliet XXY Years
  • Fano (PU), Rocca Malatestiana, Effimera evento Zerotre

2006

  • Madrid, Centro de Arte Moderno, Performas en Centro
  • Napoli, Piazza Dante, From Gutai to Railway con Shozo Shimamoto e Alfonso Caccavale
  • Livorno, Vecchia Fortezza Effimera, Arte non-arte window con Bruno Sullo

2007

  • Rosignano Marittimo (LI), Palazzo Marini La Casa dell'Arte, I Tarocchi Pelosini- Santini Del Prete
  • Viareggio (LU), BAU saluta FLUXUS, Fluxisdp
  • Vermiglio (TN), I Tarocchi Pelosini-Santini Del Prete
  • Riola (BO), Museo dei Tarocchi, I Tarocchi Pelosini-Santini Del Prete

2008

  • Viareggio (LU), Villa Borbone,Luoghi dell’UTOPIA, LA non-ARTE E’…UTOPIA!

2009

  • Viareggio (LU), Maffei Arte Contemporanea, I Santini Del Prete in Via del Signore con Eraldo Ridi
  • Montegemoli di Pomarance (PI), M’arte, I Santini Del Prete e il Pane di Montegemoli

2010

  • Venezia, Thetis Perfomedia, HAPPERFORM E.E.E. (Enarted Enthetised Event con Mariano Bellarosa

2011

  • Napoli, Galleria Lineadarte Officina Creativa, Ma la non-arte no con Alfonso Caccavale
  • Montegemoli di Pomarance (PI), M’arte, Creativité-Multiplicité-Solidarieté
  • Livorno, Galleria Peccolo, Action Poetry, I Santini Del Prete al Peccolo di Livorno

2012

  • Venezia, Spazio Thetis, Perfomedia
  • Livorno, Galleria Il Melograno, Vent'anni di non-arte
  • Pisa, Abbazia di S.Zeno, Lavorare Camminare Questo siamo noi, Pacha Mama

2013

  • Riparbella (PI), Azienda vinicola CAIAROSSA In vino Ars, Pacha Mama
  • Pontedera (PI), Centro Cirri, Lavorare Camminare,Il Buon Governo

2014

  • Pistoia, Museo Marino Marini, Il Buon Governo
  • Carrara, Accademia Belle Arti, La performance, Not Academic Happerform
  • Brescia, Spazio Contemporanea, PROGETTO UTOPIA celebrazione centenario di G.Achille Cavellini, Cent'anni di GAC
  • Crespina (PI), Fattoria di Montelisi SCAMBI DI MEMORIA. Dal Solstizio all'Equinozio, La Stazione di Montelisi

2015

  • Viareggio (LU), BAU 12 alla GAMC, I Santini Del Prete sub machina con Massimo Gentili
  • Amburgo (D), KOTTWITZKeller 20 TAT ORT, Ta(R)t (N)Ort
  • Lastra a Signa (FI), Biblioteca Comunale, Il Nostro Libro dei Libri

2016

  • Piombino, Gattarossa, Tra cielo e mare
  • La Spezia CAMeC, Tra cielo e mare
  • Lastra a Signa (FI), Villa Caruso VITAMINE archivio PALLI, Viaggiando con Enrico Caruso con Massimo Gentili

2017

  • Casciana Alta (PI), TRAART, Baracca trenini e burattini con Tatiana Zongo
  • Pistoia Biblioteca San Giorgio, 25 Anni di Non-Arte Happerform per un tenore e due soprano con Massimo Gentili, Piera Coppola e Gabriella Collaveri
  • La Spezia CAMeC, Venticinque anni di Arrivi e Partenze e Happerform 25con Nicole Giampietri

2019

  • Rosignano Marittimo (LI) Punto vendita Coop, Arrivi dalla Terra e dal Mare
  • Prato Fondazione Conservatorio San Niccolò, Nel segno di Leonardo, opere collezione Carlo Palli a cura di Laura Monaldi

2020

  • Livorno Golf Club Associazione Lavorare Camminare, Le origini ferroviarie del golf
  • Firenze Fondazione Il Bisonte Lettere S.com.Poste, I due uomini liberi e i caporali cavalli
  • Prato Art Hotel (Museo Pecci), Art Room

2021

  • Prato Ridotto del Teatro Politeama Pratese,Pablito: un mito, collettiva a cura di Carlo Palli
  • Prato Fondazione Conservatorio San Niccolò, <<...al mattin del ver si sogna...>>, opere collezione Carlo Palli a cura di Laura Monaldi
  • Montemurlo (PO) Manteco SpA, <<Guai a voi, anime prave!>>, opere collezione Carlo Palli a cura di Laura Monaldi
  • Livorno Museo Fattori, Granai di Villa Mimbelli, Dialoghi con Villa Mimbelli a cura di Ilario Luperini, collettiva Associazione Culturale Lavorare Camminare
Curatore della mostra

Alessandro Schiavetti

Info e prenotazioni

Centro Espositivo Comunale

Via Cavour, 3